come scrivere scheda prodotto

Come scrivere una scheda prodotto che vende

Una scheda prodotto ben scritta può essere decisiva per convincere i tuoi clienti ad acquistare ciò che tu proponi. Se diamo per scontato che la maggior parte dei consumatori si lascia attirare principalmente da una foto, è pur vero che una buona scheda prodotto aiuta a colmare quel gap informativo che un’immagine non può trasmettere.

Fornendo delucidazioni sui vantaggi ma soprattutto offrendo una soluzione ad uno specifico problema o esigenza è possibile incrementare le vendite e migliorare la brand loyalty.

In questo articolo ti spiegherò come approcciare ad una scheda prodotto dal punto di vista testuale e andremo a vedere alcuni esempi e modelli utili per farsi un’idea migliore della strada da seguire.

Che cos’è una scheda prodotto?

La scheda prodotto è il testo che descrive le caratteristiche tecniche ed i vantaggi di uno specifico prodotto o servizio. Il suo obiettivo è fornire al cliente le informazioni di cui ha bisogno per indurlo ad acquistare quanto prima il prodotto. Per scrivere una buona scheda prodotto è fondamentale puntare su testi che abbiano il giusto connubio tra elementi informativi e persuasivi e che, in sintesi, contengano le risposte alle seguenti domande:

  • Quali problemi risolve il tuo prodotto?
  • Quali sono i benefici per il cliente che lo acquista?
  • Cosa differenza il tuo prodotto dagli altri disponibili in commercio?

Una scheda prodotto in grado di rispondere efficacemente a queste domande può più facilmente riuscire nell’obiettivo.

Perché è importante avere le schede prodotto

In primis, una scheda prodotto scritta bene migliora la SEO del tuo e-commerce. Ottimizzando le descrizioni dei prodotti con l’utilizzo di specifiche parole chiave puoi contribuire a migliorare il posizionamento organico del tuo sito web. Per correttezza, è giusto dire che le schede prodotto possono anche essere ottimizzate per immagini ma perché rinunciare a priori alla possibilità di comparire tra i primi risultati della ricerca organica?

Inoltre, considera la questione anche e soprattutto lato cliente. Le descrizioni dei prodotti servono a fornire maggiori informazioni all’utente, oltrepassando i limiti comunicativi delle immagini. Poniamo il caso che tu voglia acquistare un nuovo Pc portatile. Difficilmente lo compreresti basandoti solo ed esclusivamente sull’immagine. Sarai sicuramente interessato a conoscerne le caratteristiche tecniche (CPU, Ram, memoria ecc.) per renderti conto se può essere il prodotto che fa al caso tuo, ovviamente anche in relazione al prezzo.

Quanto conta la trasparenza

Essere trasparenti è fondamentale innanzitutto per preservare la buona reputazione dell’azienda. Una scheda prodotto che fornisce informazioni inesatte o addirittura false mette a repentaglio la credibilità sia del prodotto che di chi lo produce e/o distribuisce. Del resto, attraverso le recensioni oggi i clienti hanno modo di far sentire la loro voce e quando sono insoddisfatti di un acquisto e c’è discordanza tra ciò che hanno letto sulla scheda prodotto e ciò che hanno testato in prima persona non faranno a meno di comunicarlo anche ad altri utenti.

Suggerimenti per scrivere i testi delle schede prodotto

Andiamo, ora, a vedere alcuni suggerimenti tecnici per scrivere in modo efficace i testi di una scheda prodotto.

Analizza il target

Il primo passo per scrivere le descrizioni dei prodotti è definire il tuo pubblico di destinazione. Può essere più facile farlo trovando le risposte alle seguenti domande:

  • Qual è stato il percorso che ha portato l’utente a raggiungere la tua pagina?
  • Quali sono i suoi interessi?
  • Perché questa persona dovrebbe essere interessata al tuo e-commerce?
  • Come l’utente descriverebbe il tuo prodotto ad un amico?
  • Quali sono le caratteristiche o i vantaggi a cui l’utente potrebbe essere interessato?

Sii originale

Se i prodotti da descrivere sono stati realizzati dall’azienda questo non dovrebbe essere un problema. Se, invece, sei un rivenditore e nel tuo e-commerce ci sono prodotti realizzati da altri cerca di non scrivere gli stessi testi. Mi rendo conto che può sembrare difficile descrivere con parole differenti quegli elementi più tecnici che caratterizzano un prodotto. Il fatto è che testi originali ti mettono al riparo da problemi di contenuti duplicati e, dunque, da possibili penalizzazioni da parte di Google. Una descrizione originale, inoltre, può più facilmente convertire la clientela.

Crea testi leggibili

La descrizione del tuo prodotto dovrebbe essere di facile lettura. Devi partire dal presupposto che la soglia di attenzione di un utente è molto limitata. Ciò comporta la necessità di mettere a disposizione degli utenti le informazioni di cui hanno bisogno senza far perdere loro molto tempo.

Per raggiungere quest’obiettivo, potresti pensare di descrivere le specifiche dei prodotti attraverso gli elenchi puntati. In alternativa, puoi anche optare per l’inserimento di veri e propri paragrafi. L’importante è che siano composti da poche frasi e che tra un paragrafo e l’altro vi sia qualche spazio bianco per rendere più scorrevole la lettura.

Ottimizza lato SEO le descrizioni dei tuoi prodotti

Poc’anzi abbiamo accennato all’importanza che può rivestire lato SEO una scheda prodotto. Andando più nel dettaglio, è importante che tu sappia che per ottimizzare una scheda prodotto dovrai lavorare bene su diversi aspetti:

Solo ottimizzando al meglio ognuno di questi elementi potrai ambire ad un buon posizionamento delle tue pagine prodotto sui motori di ricerca.

Racconta una storia

Usa la descrizione del tuo prodotto per raccontare una storia. Le storie non devono per forza essere basate sui vantaggi dei prodotti o sui problemi che risolvono. Il racconto può anche essere divertente o umoristico. In molti casi e nei giusti contesti questa tecnica può funzionare alla grande.

Utilizza parole persuasive potenti

Chi scrive una scheda prodotto ha un compito difficile. Deve creare attraverso parole suggestive un’atmosfera quasi identica a ciò che l’utente vivrebbe se osservasse da vicino (nel negozio fisico) il prodotto a cui è interessato e se interagisse con il commesso/la commessa che lavora presso lo store.

Puoi riuscire in questo intendo puntando su parole che, se ben contestualizzate, possono essere molto persuasive e rappresentare un fattore decisivo ai fini dell’acquisto del tuo prodotto. Eccone alcune:

  • Gratuito;
  • Sorprendente;
  • Meraviglioso;
  • Speciale;
  • Nuovo;
  • Esclusivo;
  • Urgente;
  • Tu;
  • Perché;
  • Opportunità;
  • Soluzione;
  • Ora

Ce ne sono, ovviamente, molte altre che potrai utilizzare. In ogni caso, ciò che conta è riuscire a combinare queste parole con i fattori che, in genere, spingono le persone all’azione. I principali sono:

  • Status da raggiungere (soldi, salute, sicurezza, benessere fisico, più tempo libero, notorietà, carriera ai massimi livelli);
  • Grattacapi di cui fare a meno (rischi, dubbi, disagi, preoccupazioni);
  • Personalità da rappresentare (capacità di influenzare gli altri, di primeggiare in qualcosa, di essere riconosciuti come autorità, di essere buoni genitori, di ispirare gli altri);
  • Obiettivi da ottenere (dare libero sfogo alla curiosità, esprimere la propria personalità, sentirsi persone migliori, conquistare l’affetto altrui)

Il tuo prodotto a quali di questi fattori persuasivi risponde meglio?

Punta sugli Split Test

La verità è che se non incominci a testare le tue schede prodotto non saprai mai se funzioneranno o meno. Fare un A/B testing o split test significa testare due versioni differenti delle tue schede prodotto. Potresti tentare di mettere a confronto la lunghezza delle descrizioni, il layout, le parole utilizzate. Anche quando ritieni di aver trovato la soluzione migliore non scartare mai a priori la possibilità di effettuare altri test per migliorare ulteriormente il tasso di conversione.

Controlla l’ortografia

Rileggi sempre le descrizioni dei tuoi prodotti per assicurarti che non ci siano errori di battitura. La revisione dei testi va effettuata anche da un punto di vista grammaticale e sintattico. Consiglio, quando è possibile, di effettuare una stampa fisica delle pagine. La lettura su carta è meno faticosa ed è molto più semplice rilevare le imperfezioni presenti.

Utilizza immagini e video di qualità

L’occhio vuole sempre la sua parte. Assicurati di caricare immagini di qualità. Non esiste un numero predefinito di foto da utilizzare per ogni scheda prodotto. Molto dipende anche dalla tipologia di prodotto. In generale, gli utenti amano i dettagli e, spesso, è difficile riuscire ad includerli tutti all’interno di una sola immagine.

Procurarti delle immagini di qualità è fondamentale ma occhio a non creare danni sull’e-commerce. Immagini di grandi dimensioni rischiano di rallentare il caricamento della pagina. Sarebbe davvero un peccato sprecare tempo e soldi per ottenere immagini di qualità ma che rischiano di compromettere l’usabilità del sito. Ci sono molti modi per inserire ottime foto, riducendo la dimensione del file, con perdita di qualità molto spesso impercettibile per l’occhio umano.

Insieme alle immagini e ai testi, spesso può rivelarsi davvero efficace anche un buon video. Quando si tratta di mostrare le potenzialità di un prodotto o addirittura il suo utilizzo, non c’è nulla che si possa paragonare ad un video, specialmente in termini di impatto e di capacità di attirare l’attenzione degli utenti. Anche in questo caso, però, è importante non appesantire troppo il codice della pagina. Se, ad esempio, hai un canale YouTube, può essere conveniente condividere il video da lì piuttosto che caricarlo nella libreria media del sito.

Scrivere schede prodotto: un lavoro da web copywriter

La realizzazione di schede prodotto è un lavoro per il quale, spesso, è richiesto il contributo di un web copywriter. Del resto, la scheda prodotto ha lo scopo di contribuire alla vendita del prodotto stesso. Di conseguenza, un professionista con capacità di scrittura persuasiva e con competenze SEO è ciò che serve per ottenere il massimo dal lavoro di descrizione dei prodotti di un e-commerce.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *