come scrivere vision aziendale

Come scrivere una vision aziendale

Scrivere una vision aziendale può essere un compito difficile anche per gli imprenditori più illuminati e creativi. Eppure, ogni azienda che guarda al futuro e che punta a creare benessere dovrebbe averne una. In questo articolo andremo a vedere come si definisce la vision, in cosa si differenzia dalla mission, come scriverla in maniera efficace e alcuni esempi famosi.

Cos’è la vision aziendale: definizione

La vision descrive lo status o l’obiettivo che l’azienda vorrebbe raggiungere in via definitiva. È lo scopo per cui l’impresa è stata creata e per cui esiste. La vision andrebbe, dunque, identificata nel momento stesso in cui l’iniziativa imprenditoriale prende corpo.

Siamo convinti che qualunque imprenditore o gruppo imprenditoriale che mette su un’impresa lo faccia con uno scopo ben preciso. La difficoltà può essere quella di riuscire ad estrapolare dai propri pensieri una vision efficace. In altri casi, l’imprenditore ha ben in mente la sua vision ma teme che possa essere troppo ambiziosa e che, dunque, possa giocare a suo svantaggio nel caso in cui l’impresa non generi i risultati attesi.

Perché la vision aziendale è importante

Avere una vision è fondamentale perché rivela ciò che un’azienda spera di essere e di raggiungere in arco temporale lungo. Il contenuto di una vision non è importante soltanto per il mondo esterno (clienti, fornitori, media, competitors) ma assume valore anche per scopi di comunicazione interna.

I dipendenti che si identificano con la vision dell’azienda per cui lavorano tenderanno a sentirsi più coinvolti non solo dal punto di vista professionale ma anche sotto il profilo umano e delle relazioni. Una vision forte e suggestiva susciterà, inoltre, il desiderio di entrare a far parte dell’azienda anche delle risorse umane esterne.

Differenza tra vision aziendale e mission

Si tende, spesso, a confondere vision aziendale e mission. La differenza principale tra questi due concetti sta nel fatto che la mission è orientata al presente e deve trasmettere lo scopo alla base dell’esistenza dell’impresa, sia nei confronti dei membri dell’azienda stessa che rispetto alla comunità esterna.  La vision, come abbiamo visto, è orientata al futuro e può servire ad ispirare ed orientare sia i dipendenti dell’azienda che i clienti.

Volendo essere ancora più chiari nella differenza tra mission e vision, potremmo dire che la prima risponde alle domande: “Chi sei ora? Perché esisti?”. La vision, invece, è chiamata a trovare una risposta alle seguenti domande: “Quali sono i tuoi obiettivi futuri? In che modo li raggiungerai?”.

Come utilizzare la vision

Non mi stancherò mai di ripeterlo. Ogni azione di marketing ha senso solo se finalizzata ad uno scopo, un risultato da raggiungere. Lo stesso deve valere anche per la vision. Sarebbe opportuno inserirla all’interno del piano strategico o piano di comunicazione aziendale. Può diventare un potente strumento di comunicazione interna che coalizza il team in vista del raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Attraverso seminari aziendali e sessioni di brainstorming, l’azienda può aiutare i dipendenti a scoprire in che modo integrare i valori insiti nella vision nelle loro attività professionali quotidiane.

Nel corso del tempo, la vision potrebbe anche essere rivisitata e migliorata. Ad esempio, una volta raggiunto l’obiettivo stabilito dalla vision, l’azienda potrebbe pensare di crearne un’altra.

Suggerimenti per scrivere la vision aziendale

Scrivere la vision di un’azienda può sembrare un compito difficile. Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno ad individuare la visione della tua impresa.

Allineala ai valori aziendali

Questo è un punto di partenza necessario. Non puoi scrivere una vision aziendale se non conosci la cultura, la filosofia ed i valori dell’organizzazione. Che tu sia un dipendente interno dell’impresa o un copywriter freelance a cui è stato affidato questo importante compito, dialoga con le figure chiave dell’azienda e assicurati di avere le informazioni necessarie per mettere su carta un qualcosa che possa almeno essere preso in considerazione.

Sii chiaro e conciso

Una frase o due, al massimo, sono sufficienti per la vision. Non confonderla con aspetti di carattere maggiormente commerciale come ad esempio il payoff oppure con documenti aziendali più elaborati come la company profile. Quando scrivi una vision, non devi pensare a vendere un prodotto specifico. Lascia da parte, per un attimo, il sales copywriting e concentrati sull’individuare concetti che debbano essere innanzitutto condivisi dall’intero board aziendale.

Credo sia importante chiarire al meglio questo punto. Su molti siti web troviamo vision molto più articolate di una o due frasi. Può anche starci, soprattutto quando si teme che poche frasi non siano in grado di esprimere la complessità della visione aziendale. Fai, però, in modo che i tuoi dipendenti e il mondo esterno conoscano bene la versione breve della tua vision perché è quella che potrà più facilmente essere ricordata dalle persone.

Stabilisci un orizzonte temporale

In precedenza, abbiamo accennato al fatto che la vision potrebbe anche cambiare nel corso del tempo. Ciò in quanto un’azienda nasce, cresce e si sviluppa in momenti differenti, durante i quali gli scenari potrebbero mutare enormemente. Cerca, dunque, di stabilire un orizzonte temporale entro cui l’azienda vorrà raggiungere ciò che è contenuto nella vision.

Pensa ad un’idea evergreen

Sebbene sia importante stabilire un orizzonte temporale, cerca se possibile di puntare ad una vision evergreen, ossia ad un obiettivo che potenzialmente non possa dipendere dalle evoluzioni del mercato o della tecnologia.

Pensa ad un obiettivo ambizioso ma raggiungibile

Quando si scrive una vision si ha, spesso, il timore di risultare eccessivamente ambiziosi. Ciò induce le aziende a puntare su visioni meno “compromettenti”. Eppure, è consigliabile trovare il giusto compromesso tra obiettivi raggiungibili non troppo facilmente e traguardi non proprio utopistici.

Evita le ambiguità

Agisci affinché la tua vision non possa sembrare ambigua. Tale punto, per certi versi, si collega a quello precedenti. L’unico modo che hai per evitare l’ambiguità è scrivere una vision che abbia un obiettivo misurabile. Se la vision si fonda un obiettivo generico con cui chiunque può essere d’accordo, è probabile che produca risultati mediocri.

“Offrire un’esperienza eccezionale” è un esempio di vision che non può andar bene in quanto è un obiettivo che accomuna tutte le imprese e, dunque, non potrà mai rappresentare un tratto distintivo.

Esempi di vision aziendali famose

Anche se deve rappresentare un qualcosa di unico, può essere utile dare un’occhiata alla vision di aziende conosciute a livello internazionale le quali sono riuscite nell’intento di individuare una visione chiara e coerente con i valori dell’organizzazione. Ecco dieci esempi di vision aziendali famose:

  • Google: “Fornire accesso alle informazioni in un click”;
  • LinkedIn: “Creare opportunità di business per i lavoratori di tutto il mondo”;
  • Ikea: “Creare un mondo migliore per la maggior parte delle persone”;
  • Amazon: “Diventare la migliore azienda del mondo focalizzata sulle persone, affinché loro possano trovare tutto ciò che potrebbero voler acquistare online”;
  • Ben & Jerry’s: “Preparare il miglior gelato nel modo più simpatico possibile”;
  • Microsoft:”Un computer su ogni scrivania e in ogni casa”;
  • WWF: “Cerchiamo di salvare il pianeta, conciliando i bisogno degli esseri umani con quelli di tutti coloro che abitano la terra”;
  • Amnesty international: “Un mondo in cui ogni persona possa godere dei diritti sanciti dalla dichiarazione universale dei diritti umani”;
  • Creative Commons: “Sfruttare al massimo il potenziale di Internet, garantendo accesso universale alla ricerca e all’istruzione, piena partecipazione alla cultura al fine di contribuire alla nascita di una nuova era di sviluppo, crescita e produttività”;
  • Nike: “Ispirare e portare innovazione per ogni atleta del mondo (Se hai un corpo, vuol dire che sei un’atleta”

Microsoft rappresenta un esempio perfetto del fatto che la vision di un’azienda possa cambiare nel corso del tempo. Dopo aver raggiunto l’obiettivo di portare un computer su ogni scrivania ed in ogni casa, il colosso statunitense ha pensato di rinnovare la visione che, oggi, infatti recita: “Fare in modo che ogni persona o organizzazione del pianeta possa ottenere di più”

Scrivere la vision aziendale ha senso solo se…

Affinché la vision aziendale possa rappresentare un valore aggiunto per l’organizzazione, è fondamentale che diventi parte integrante della cultura dell’impresa. I manager dovrebbero impegnarsi nel dialogare attivamente con i dipendenti ed assicurarsi che le risorse umane abbiano ben chiara la vision dell’azienda e siano motivate a raggiungere ciò a cui essa ambisce.

Un’azienda potrebbe trovare utile eseguire anche una sorta di audit della vision. Ciò vuol dire implementare, a livello strategico, procedure che permettano di tenere traccia dei progressi compiuti in vista del raggiungimento degli obiettivi contenuti nella vision.

Quando l’azienda dispone di elementi concreti per ritenere che la vision sia stata raggiunta, è tempo di crearne una nuova. Proiettarsi costantemente al futuro è indispensabile per le organizzazioni che non interrompono mai il loro processo di crescita ma, al contrario, cercano continuamente di migliorarsi.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Hai anche tu delle idee da proporre per realizzazione una vision aziendale? Se ti va, puoi scrivere un commento per confrontarci sull’argomento.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *