costo articolo ottimizzato seo

Quanto costa un articolo ottimizzato SEO

Scrivere un articolo ottimizzato SEO è importante per chiunque oggi voglia fare content marketing attraverso il sito web. Una conoscenza generale della Search Engine Optimization è fondamentale, abbinata a buone capacità di web writing. Ciò che conta, però, prima di ogni altra cosa, è scrivere contenuti di qualità per gli utenti.

Ecco perché, spesso, si avverte l’esigenza di rivolgersi a professionisti con competenze ed esperienza nella realizzazione di testi SEO optimized. Il problema è che, dall’altra parte, non sempre si ha la giusta considerazione di chi fa questo lavoro. Ecco perché diventa importante riuscire a quantificare il costo del proprio lavoro e, dunque, anche di un articolo SEO. Se riuscirai a farlo darai dignità non soltanto al tuo lavoro ma nobiliterai l’intera professione, dando uno mano ai tuoi colleghi.

Non c’è un’unica strada da seguire quando si realizza un preventivo per uno o più articoli SEO. A mio giudizio, il costo di un articolo SEO dipende da:

  • Elementi oggettivi che rientrano in un ambito prettamente tecnico della preparazione e realizzazione di un contenuto;
  • Elementi soggettivi, del tutto personali e non facilmente inquadrabili. Proviamo ad analizzarli entrambi.

Fattori oggettivi

Chiunque lavori nella stesura di testi ottimizzati per i motori di ricerca deve compiere alcune analisi preliminari che gli consentono di pervenire ad una prima bozza di preventivo. Scopriamo quali sono i fattori oggettivi da considerare per stabilire il costo di un articolo ottimizzato per i motori di ricerca.

Keyword research

La ricerca delle keyword è un primo importante elemento di cui tenere conto in questo lavoro. Il costo può abbassarsi se la keyword research è effettuata dal committente. Al contrario, se il committente si limita solo ad indicare un argomento, allora sarà il copywriter a muoversi nell’intrigante ma complesso mondo della ricerca delle parole chiave.

Fare keyword research oggi non può limitarsi solo ad una mera considerazione quantitativa, basata sui volumi di ricerche mensili e sulla concorrenza. Si tratta di un lavoro articolato, che per certi versi può coincidere con una piccola analisi di mercato in quanto bisogna sforzarsi di comprendere in che modo gli utenti si informano sull’argomento.

Qui entrano in gioco diverse attività, non legate soltanto all’utilizzo, seppur importante, di un tool. Il web writer dovrà muoversi su più fronti, analizzando dati ma osservando anche il comportamento degli utenti sul web, ad esempio sui forum di settore ma anche sui social network. Questo è, dunque, un fattore di grande rilevanza che può incidere parecchio sul costo finale di un contenuto SEO.

Lunghezza dell’articolo

Qui entriamo in un ambito molto delicato. Come si fa a stabilire, a priori, l’esatta lunghezza che deve avere un articolo? A mio giudizio, è impossibile. Eppure, molti committenti lo fanno e, spesso, i copywriter sono costretti ad accettare di realizzare preventivi su un numero prestabilito di parole.

Sicuramente, un web content writer deve essere in grado di attribuire il costo per ogni singola parola che scrive. Per quanto mi riguarda, il costo comprende anche le cosiddette stop words (articoli determinati, indeterminativi, congiunzioni). Sono elementi che fanno parte della lingua italiana e che contribuiscono a creare frasi e periodi di senso compiuto, quindi non vedo perché un copywriter non debba essere pagato anche per queste parole.

Caricamento sul sito web

Nelle competenze di un copywriter rientra anche il caricamento degli articoli, specie se si utilizza per tale scopo una piattaforma di Content Management System, come WordPress ad esempio. Non sempre questo lavoro viene affidato al copywriter. Molto dipende anche dal lavoro che fa colui che ha commissionato l’articolo.

Mi è capitato di collaborare con professionisti del web marketing che mi hanno chiesto una mano solo per la realizzazione dei testi, senza mai avere accesso diretto ai contenuti del sito. In questo caso, è un discorso che può starci perché, magari, chi si occupa fisicamente del caricamento dell’articolo ha le competenze per effettuare al meglio ogni passaggio.

Negli altri casi, considerando la delicatezza di questo lavoro, ritengo che l’opzione migliore sia affidare questa fase al web writer. Il caricamento dell’articolo comporta diversi step, dal corretto inserimento dei meta title tag e description, alla formattazione del testo, dall’indicazione della categoria agli eventuali link interni/esterni, senza dimenticare l’ottimizzazione delle immagini e dei suoi tag.

Immagini

Un riferimento anche alle immagini è doveroso. Un copywriter non deve, ovviamente, essere necessariamente anche un grafico ma una conoscenza basilare non guasterebbe. Certo, se l’esigenza del committente è quella di avere immagini particolari allora è difficile che un copywriter possa riuscire in questo compito.

Nella maggior parte dei casi, però, ad un copywriter potrebbe essere chiesto di individuare un’immagine, caricarla nelle giuste dimensioni, ottimizzarla e fare in modo che il file non sia troppo pesante, altrimenti si rischia di rallentare eccessivamente il sito. Oggi, esistono tanti programmi che facilitano e, per certi versi, automatizzano alcuni di questi passaggi. Basta fare un po’ di ricerche sul web.

Fattori soggettivi

Qui si entra in una sfera più delicata, dove le variabili rischiano di essere ancora maggiori rispetto al punto precedente. Ecco i fattori soggettivi che un copywriter considera (o dovrebbe considerare) quando elabora un preventivo per la realizzazione di testi SEO.

Costi di gestione della Partita Iva

Non rientra nelle mie competenze un approfondimento in materia fiscale. Sta di fatto che chiunque svolga la professione di copywriter come libero professionista ha dei costi da affrontare, spesso anche considerevoli. Credo sia impossibile non tenerne conto quando si effettua un preventivo.

Un copywriter alle prime armi, che magari rientra in un regime fiscale agevolato, potrebbe applicare un prezzo più basso rispetto a chi ha una Partita Iva già da diverso tempo e non dispone di particolari agevolazioni. Non mi dilungherò più di tanto sull’argomento, considerando che, comunque, le questioni fiscali possono ogni anno prevedere novità ed aggiornamenti. Dunque, è molto difficile impostare un discorso a lungo termine su un tema dall’elevata volatilità.

Livello di esperienza

Beh, questo è forse il più soggettivo dei fattori. Non c’è un parametro unico che mi permette di dare un valore concreto alla mia esperienza. È qualcosa che ogni web writer può avvertire in maniera differente. Sicuramente, il fattore temporale ha un peso ma non sempre è decisivo.

Potrei svolgere questo lavoro da decenni ma collaborare con poche aziende, nemmeno troppo rinomate, oppure lavorare nel settore da due anni ed essere riuscito ad accaparrarmi una collaborazione con un’azienda di grande spessore. E anche in un esempio del genere non è detto che la qualità reale dei due web copywriter sia differente.

Interpreto l’esperienza come il raggiungimento di un certo grado di consapevolezza delle proprie competenze e anche delle proprie lacune. Spesso, però, il livello di esperienza è stabilito anche dal mercato, o meglio, dalla reputazione che un professionista ha saputo guadagnarsi nel settore in cui opera.

Articolo una tantum o legato ad un progetto

Un articolo SEO ha lo stesso costo se commissionato una tantum o se appartiene ad un progetto che prevede un corposo pacchetto di articoli? Per molti sì, per altri il ragionamento potrebbe anche essere differenti. Nel mio caso, sono piuttosto restio ad accettare lavori in cui mi viene richiesto un solo articolo. Se hai letto la nota che ho scritto nella pagina dedicata ai contatti, avrai notato che mi piace seguire progetti a medio-lungo termine, in cui vi sia una certa continuità lavorativa.

Anche se dovessi accettare di realizzare articoli una tantum, nel mio caso il costo sarebbe inevitabilmente più alto rispetto ad una situazione in cui vi sia un’idea precisa dei contenuti da scrivere, inserendoli in un arco temporale quantomeno trimestrale. Ovviamente, anche in progetti a lunga scadenza, è fondamentale farsi ugualmente pagare il giusto.

Complessità dell’argomento

Può sembrare banale ma ogni tema o argomento presenta un livello di complessità differente. Il tempo che un web writer deve impiegare per acquisire nozioni sulla materia da affrontare all’interno degli articoli può essere, a seconda dei casi, più o meno ampio. Inoltre, vi sono settori molto delicati in cui è fondamentale fornire informazioni estremamente precise. Pensiamo, ad esempio, ai settori legati alla salute, benessere, bambini e così via.

Nessuno può definirsi esperto di tutte le discipline del mondo. Nel mio caso, se dovessi scrivere articoli sul marketing sarei facilitato nel compito perché conosco meglio la materia. Se, invece, mi viene chiesto di scrivere uno o più articoli SEO per uno studio legale mi devo obbligatoriamente informare sull’argomento.

Tutto ciò ha un costo, in alcuni casi solamente temporale, in altri anche economico (è vero, sul web si trova ormai quasi di tutto ma, magari, potrei aver bisogno di acquistare libri o altro materiale per documentarmi bene sull’argomento da trattare).

Farsi rispettare, sempre!

Al di là delle valutazioni che, come detto, spettano ad ogni professionista, ci tengo a ribadire questo concetto: quello del web copywriter è un lavoro a tutti gli effetti. Mi rendo conto che, purtroppo, in alcuni casi ci si trova dinnanzi all’esigenza di accontentarsi di cifre non molto elevate pur di lavorare. Credo sia necessario preservare, sempre e comunque, il rispetto innanzitutto per se stessi e per il lavoro che si svolge.

Oggi, il mestiere di chi scrive, a qualunque livello, attraversa un momento storico difficile. Eppure, in quasi tutte le aziende c’è bisogno di qualcuno che con le parole ci sappia fare. Questo significa che il mercato ha ancora bisogno di copywriters, giornalisti, storytellers, scrittori. Il nostro compito è di far percepire il più possibile le nostre capacità e qualità, mettendoci sempre in discussione e con un atteggiamento mentale sempre proiettato al miglioramento e all’apprendimento.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *