blogger freelance

10 consigli per diventare un buon Blogger Freelance

Vuoi diventare un blogger freelance a tempo pieno e fare in modo che da questo lavoro si generino per te entrate mensili costanti? Bene, sei nel posto giusto. Il mondo dei freelance è, senz’altro, affascinante ma, allo stesso tempo, nasconde diverse insidie. Ad esempio, rispetto al blogger che lavora come dipendente, se sei un freelance hai la possibilità di gestire i tuoi orari e gli impegni a seconda delle tue esigenze. Di contro, hai la difficoltà di trovare nuovi clienti e, in alcuni casi, di non riuscire a stimare con elevata precisione i tuoi guadagni mensili.  Ecco 10 consigli che ti aiuteranno a diventare un freelance blogger di tutto rispetto e a guadagnare sufficientemente bene.

1) Sviluppa la tua presenza online

Da qualche parte la tua attività di blog writer dovrà pur cominciare. In genere, si comincia con un blog personale. E’ quello che ho fatto anche io alcuni anni fa quando ho aperto il mio primo blog dedicato al mondo delle mafie in Italia. Chiaramente, se vuoi andare diritto sulla attività di freelance blogger ti conviene aprire un blog in cui affronti tematiche relative a questo ambito.

Procedi, dunque, ad individuare il nome da dare al tuo blog, controlla l’elenco dei nomi di dominio disponibili e registra il tuo blog. Scegli un buon hosting. Io mi sono affidato a Siteground e credo che difficilmente si possa trovare di meglio in giro. Se hai bisogno di una piattaforma CMS ti consiglio WordPress perché ti permette in maniera agevole, veloce e performante di creare e gestire i tuoi contenuti online.

Inizia a scrivere articoli con regolarità, impegnati come se dovessi sviluppare e consegnare contenuti ad un tuo cliente. Ti aiuterà ad essere puntuale nelle consegne anche quando arriveranno i primi clienti reali. Inoltre, il tuo blog ti permetterà di avere un portfolio di lavori da mostrare quando aziende o professionisti mostreranno interesse verso di te.

2) Proponi il tuo profilo alle aziende

Il tuo blog è uno strumento importante ma non sempre basta. Esiste un mondo virtuale al di fuori del tuo sito web che è ricco di opportunità. Mettiti alla ricerca di tutti quei portali in cui puoi registrare il tuo profilo da freelancer.

Potresti, inoltre, pensare di scrivere contenuti da inviare a siti web autorevoli, in maniera tale da mostrare loro le tue capacità.

Puoi anche presentare la tua candidatura ad aziende che, magari, in quel preciso momento non sono alla ricerca di un blog writer ma che potrebbero apprezzare il tuo talento e decidere di darti una chance.

3) Trova il tuo pubblico

Se sei un esperto di un determinato argomento, sfrutta al massimo queste tue conoscenze all’interno del blog che ti ho suggerito di creare al punto 1. Ciò che conta è individuare una specifica nicchia di utenti a cui rivolgerti e scrivere articoli che siano interessanti per il pubblico che andrai a costruirti.

4) Impara a fare networking

Nessuno potrà sostituirti a te né spianarti la strada verso il successo professionale ma fare networking, ossia sviluppare relazioni con altri freelance bloggers, è davvero molto importante. Cerca chi sono i migliori professionisti del tuo settore, studia le loro tecniche di scrittura e di comunicazione. Sfrutta anche le potenzialità dei social network e mettiti alla ricerca di gruppi in cui si affrontano argomenti legati al mondo del blog writing. Sarà un modo per rimanere sempre aggiornato sugli sviluppi della tua professione.

5) Ottimizza le tue abilità di scrittura

Il tuo guadagno è legato indubbiamente al numero di articoli che riuscirai a scrivere. Questo significa che dovrai acquisire una rapida ed efficace capacità di digitazione. Dunque, oltre ad utilizzare un dispositivo in grado di garantirti una buona esperienza di scrittura, dovrai sforzarti ed esercitarti a scrivere molti articoli. Chiaramente, questo non vuol dire che devi andare di fretta altrimenti corri il rischio di compiere diversi errori e di perdere ancora più tempo per provvedere alla revisione del testo e alla sua correzione.

6) Concentrati sugli obiettivi

Ti devi costantemente porre questa domanda: “Cosa voglio ottenere come blogger freelance?” In primo luogo, hai bisogno di clienti. Magari, soprattutto in una fase iniziale, riceverai dei rifiuti. E’ capitato a tutti. Non devi scoraggiarti. Non si può piacere a tutti. L’importante è piacere alle persone giuste, ossia a coloro che sappiano apprezzare il tuo lavoro e che abbiano fiducia nelle tue capacità.

7) Acquisisci competenze da SEO Blogger

Scrivere per il web oggi richiede una buona conoscenza delle tecniche di Copywriting SEO, ossia della scrittura orientata al miglioramento del posizionamento di un blog sui motori di ricerca. Non devi per forza diventare un SEO Specialist ma competenze di base della Search Engine Optimization ti aiuteranno a scrivere contenuti che siano apprezzati e ben visti, oltre che dal tuo pubblico, anche dai motori di ricerca.

8) Quantifica il prezzo del tuo lavoro

Se vuoi che il lavoro da freelance blogger ti permetta di guadagnarti da vivere allora devi essere in grado di quantificare il prezzo dei tuoi articoli. Questo non significa che il costo di un articolo sarà sempre lo stesso. In ogni caso, devi fare in modo che il potere contrattuale sia sempre dalla tua parte.

Il tuo obiettivo è ottenere il massimo da ogni collaborazione. Maggiori saranno i clienti che riuscirai ad ottenere all’inizio, più alto sarà il tuo potere contrattuale nel corso del tempo. Con una buona base di clienti fissi, infatti, potrai permetterti di condurre la trattativa con maggiore tranquillità. Stabilire un tariffario con dei prezzi fissi, a mio giudizio, è controproducente. Meglio impostare, sempre nella tua testa, delle soglie, specialmente una soglia minima, ossia un prezzo al di sotto del quale non sei disposto a scendere. Trova il modo di essere, a seconda delle situazioni, sia rigido che flessibile. Salvaguarda sempre la tua dignità.

9) Sfrutta i canali social

Crea degli account sui social network in cui condividere i tuoi lavori. Inserisci all’interno del tuo sito un collegamento social nonché pulsanti “share” per consentire facilmente ai tuoi lettori di condividere gli articoli a cui sono interessati. Scegli con cura i social network in cui essere presente. Quelli in cui, secondo me, un blogger freelance dovrebbe essere sempre presente sono Facebook e LinkedIn.

10) Apri una Partita Iva da Freelance

Questo più che un consiglio è, forse, un obbligo. Se vuoi davvero lavorare come blogger freelance allora devi aprire una Partita Iva. Rivolgiti a professionisti in grado di darti il giusto supporto. Se non hai mai aperto una Partita Iva, magari potresti avere diritto ad accedere a condizioni agevolate e vantaggiose per i primi cinque anni di attività. Per maggiori informazioni su questo argomento puoi visitare il sito di Aicm, Associazione Italiana Contribuenti Minori, e chiedere allo staff se hai i requisiti per aprire la Partita Iva usufruendo del regime minimo o forfettario.

Conclusioni

Quello del blogger freelance è sicuramente un mondo affascinante. Spero di averti dato i giusti consigli per cominciare il tuo viaggio da protagonista nel mondo del blogging.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *