Social media copywriting

Social media copywriting: come scrivere testi per i social

Il social media copywriting è l’arte di scrivere testi persuasivi per gli utenti che popolano i social media. Non c’è alcun dubbio circa lo straordinario impatto che hanno avuto i social media non soltanto sulle nostre attività professionali ma addirittura sulle nostre stesse vite. Nel corso del tempo, essi si sono imposti come uno dei canali principali per le aziende che vogliono raggiungere il maggior numero possibile di persone.

Cos’è il copywriting per i social media

Quando hai aperto la tua nuova attività oppure quando ti sei reso conto che molti tuoi competitors stavano presenziando i social network, magari anche tu hai deciso di aprire una pagina aziendale sui social media. Lo hai fatto per dare nuova visibilità ai tuoi prodotti o servizi. Tuttavia, sei riuscito a raggiungere scarsi risultati o, ancora peggio, hai effettuato anche degli investimenti economici ma il ritorno che hai ottenuto non è stato entusiasmante.

Perché questo è accaduto? La risposta di portata più generale ed immediata è che probabilmente a monte non hai creato una buona strategia di social media marketing. Quella più specifica è che non sei riuscito a sviluppare contenuti di qualità per i social media.

È proprio qui che accorre in tuo aiuto il social media copywriting. Non c’è nulla di straordinariamente innovativo nella definizione di social media copywriting. Ti basta conoscere il significato del termine copywriting ed il gioco è fatto. Il copywriting è la capacità di creare testi persuasivi al fine di convincere l’utente a compiere una specifica azione. Il social media copywriting, ramo del web copywriting, non è altro che l’arte di utilizzare tecniche di scrittura persuasiva applicandole ai canali social.

Quanto è importante il ruolo del copywriter sui social media

Un copywriter può avere un ruolo determinante ai fini della buona riuscita di un progetto di social media marketing. Al social media copywriter potrebbe essere chiesto di scrivere testi per ottenere uno o più dei seguenti risultati:

  • Aumentare il numero di followers sugli account social aziendali;
  • Incentivare i followers a commentare e/o condividere i post;
  • Vendere uno specifico prodotto o servizio

Qual è la difficoltà maggiore in cui si imbatte un copywriter che scrive per i social media? La stessa che deve affrontare ogni volta che realizza i testi di qualunque messaggio pubblicitario: attirare l’attenzione. L’utente che trascorre il proprio tempo sui social network ha un comportamento in parte differente rispetto a chi, ad esempio, effettua una ricerca su Google.

Utilizziamo i motori di ricerca ogni volta che abbiamo la necessità di ottenere informazioni su un prodotto, su un’azienda o su un determinato argomento. Non si può dire esattamente lo stesso per i social media. Gran parte delle persone accede al proprio profilo Facebook, LinkedIn o Instagram senza quasi mai avere un piano ben preciso in mente.

Molto spesso, ciò che facciamo è scrollare la home page, magari soffermandoci su ciò che hanno pubblicato i nostri amici, inserendo qualche like o commentando dei post. Raramente utilizziamo la barra di ricerca di Facebook come motore di ricerca ed è altrettanto raro che facciamo click su un post che ci obbliga a lasciare il nostro profilo social per approdare su un sito web esterno o una landing page. Quando lo facciamo è perché c’è qualcosa che ci ha incuriositi e ci ha spinti ad andare oltre.

Proprio questa è la difficoltà più grande che deve superare un social media copywriter. Le persone stanno pian piano abituandosi alla pubblicità presente sui social media. Ciò che sei chiamato a fare è differenziare dalla concorrenza il tuo prodotto o servizio o quello dell’azienda per cui lavori. Si tratta di un compito non facile ma nemmeno impossibile. Continua a leggere per conoscere i miei consigli di scrittura persuasiva per i social media.

Suggerimenti per scrivere buoni testi per i social network

Se sei arrivato fino a qui avrai probabilmente compreso che la chiave per ottenere successo con il social media marketing è l’engagement, vale a dire la capacità di coinvolgere il pubblico. Ecco in che modo puoi farlo sui social media.

Incoraggia le persone a partecipare alle conversazioni

Molte aziende continuano a commettere l’errore di utilizzare i propri canali social come veicolo di auto-promozione. Questo è un grandissimo errore. I social network nascono come strumenti per favorire le conversazioni online tra utenti. Il discorso vale in misura ancora maggiore per le imprese che dovrebbero sfruttare le pagine social innanzitutto per interagire e parlare con i followers. In che modo? Realizzando post con una call to action che includa frasi del tipo:

  • Cosa ne pensi?
  • Raccontaci la tua storia;
  • Cosa ti aspetti?

Chiaramente, la comunicazione sui social deve sempre essere bidirezionale. Se inviti le persone a commentare ed interagire dovrai poi essere pronto a replicare ai loro commenti. Non puoi aprire un dialogo con le persone per poi interromperlo al primo step. Cerca di comunicare sempre, con tutti.

Crea una simbiosi perfetta tra testi ed immagini o video

In riferimento alla capacità di attirare l’attenzione dell’utente medio presente sui social network, l’immagine gioca un ruolo fondamentale. Addirittura, ci sono dei social networks (Instagram su tutti) dove non c’è alcuna possibilità di pubblicare un post senza un’immagine. A seconda delle tue competenze o del contesto in cui lavori potrebbe esserti chiesto di dare un contributo anche rispetto alla scelta delle immagini. Probabilmente non sarai tu a realizzarle ma la tua idea, anche in base al testo che hai in mente, potrebbe risultare decisiva.

Ciò che ti consiglio, dunque, è di sforzarti di immaginare i tuoi testi social sempre in simbiosi ed in perfetta sintonia con le immagini o con il video. È l’unico modo per creare un connubio perfetto e coerente tra elementi testuali e visivi.

Sfrutta la sete di conoscenza delle persone

Qualunque sia il tuo pubblico, ci saranno senz’altro degli argomenti a cui i tuoi followers saranno interessati. Ciò che puoi fare in tal senso è condividere:

  • Notizie del tuo settore;
  • Citazioni provenienti da personalità importanti del settore;
  • Statistiche relative al tuo settore

Quando è possibile, cerca di scrivere contenuti che possano portare le persone a spostarsi verso il sito web dell’azienda per dare loro la possibilità di approfondire l’argomento e accedere ad altre informazioni.

Utilizza le tecniche di scrittura persuasiva

Le persone sono talmente abituate a trascorrere parte del loro tempo sui social network che temono di perdere notizie, aggiornamenti o novità importante se abbandonano anche temporaneamente i loro account. Puoi sfruttare a tuo vantaggio questa opportunità scrivendo un copy che punti su concetti come:

  • Esclusività;
  • Urgenza;
  • Scarsità

Si tratta di tecniche di scrittura persuasiva sempre attuali e che, se ben applicate, possono rivelarsi fruttuose anche per la comunicazione sui social media.

Adatta il copy alle specifiche del social media

Molto spesso, le aziende hanno la tendenza a scrivere testi sempre identici per tutti i social in cui sono presenti. È un comportamento corretto o da modificare? Dipende. In linea generale, vale l’assunto che ogni sito di social network presenta caratteristiche e peculiarità differenti, sotto tanti punti di vista.

Il pubblico di LinkedIn è profondamente differente rispetto a quello di Facebook. Difficile pensare che un post possa sempre essere pubblicato con le stesse parole e immagini su tutte le pagine social. Il discorso va impostato sempre prendendo in considerazione le caratteristiche del target.

Se un’azienda realizza post sia per il B2B che per il B2C, la scelta del social media su cui pubblicare potrebbe variare. Un annuncio di lavoro si presta meglio ad essere pubblicato su LinkedIn perché le persone utilizzano questa piattaforma anche e soprattutto per la ricerca di nuove posizioni lavorative.

In ogni caso, è importante adattare il copy alle caratteristiche di ogni social media. Spesso, è lo stesso social network che lo impone. Ci sono piattaforme che presentano dei limiti rispetto al numero di caratteri che è possibile inserire in un post. L’esempio emblematico e meglio rappresentativo in tal senso è Twitter.

Solo avendo una conoscenza approfondita delle caratteristiche di ogni social media in cui l’azienda è presente è possibile fare del buon copywriting.

Prediligi i testi brevi

Non commettere l’errore di scambiare un post social con l’articolo di un blog. Sul blog puoi dilungarti e parlare in maniera approfondita di un argomento, ovviamente puntando sempre a veicolare le informazioni in maniera sintetica. Il dono della sintesi è ancora più importante sui social media. Raramente, le persone hanno la volontà di leggere post lunghissimi. Sfrutta i social network per attrarre l’utente ma per gli approfondimenti rimanda ad un altro canale, preferibilmente il sito web aziendale.

Punta sulla formattazione

La formattazione è uno degli elementi più importanti nella comunicazione sui social media. Rispetto al blog, non ci sono spazi predefiniti per l’inserimento del titolo o dei tag di intestazione. Non esiste nemmeno la possibilità di inserire direttamente grassetto e corsivo. Lo si può fare ricorrendo a programmi esterni nei quali l’utente digita il testo e poi sceglie in che modo formattarlo. A tal proposito puoi testare un programma come Yaytext. Il problema è che alcuni dispositivi potrebbero non visualizzare correttamente alcune delle parole che l’applicazione trasformerà (in alcuni test ho notato problematiche con i caratteri accentati).

Puoi formattare bene un testo anche senza parole in grassetto. I social dispongono di molte emoticon che puoi utilizzare per rendere più attraenti e leggibili i tuoi post. Chiaramente, non esagerare ma sfruttale per formattare bene il testo. Io mi trovo molto bene con Pilliap, programma in cui sono disponibili emoticon per diverse esigenze e applicazioni. Lo utilizzo soprattutto per le emoticon ed i simboli di Facebook.

Se, ad esempio, devi scrivere un post con degli elenchi, esistono appositi simboli che replicano la forma dell’elenco puntato che troviamo sui più noti programmi di video-scrittura o sui CMS come WordPress.

Ricordati di distanziare i paragrafi per non affaticare la lettura da parte degli utenti. Un altro consiglio. Se hai la necessità di indicare un link per i tuoi post, evita di inserire l’intera URL così come riportata sul sito. Puoi ricorrere ad un programma come Bitly che crea URL brevi, tra l’altro anche personalizzabili.

Non abusare nemmeno delle maiuscole. Per quanto mi riguarda, cerco sempre di evitare di inserire intere parole in maiuscolo perché trasmettono la sensazione di una comunicazione dai toni quasi aggressivi.

Metti al centro i vantaggi

Assicurati che sia ben chiaro il vantaggio che gli utenti possono ottenere compiendo una specifica azione. Se vuoi vendere un prodotto, potresti puntare sull’argomentazione esclusiva di vendita. I social network ti servono per lanciare l’esca. Quasi sempre, l’azione finale o di conversione dovrà passare per la pagina di un sito web. Sarebbe inutile scrivere un post identico alla pagina di atterraggio. Certo, i due contenuti devono essere simili e coerenti ma si prestano a scopi differenti e, dunque, diverso deve essere anche il testo. Attira l’utente tramite il post social e convertilo attraverso la pagina di destinazione.

Parla in modo diretto al tuo pubblico

Lo abbiamo visto poco fa. Nei social network ci si confronta, si litiga, si condividono emozioni, opinioni, esperienze. In una sola frase: si parla. Non puoi pensare di avere successo sui social parlando al tuo pubblico in maniera indiretta o attraverso un tono eccessivamente formale. Le barriere vanno abbattute e le distanze ridotte.

Per conquistare l’attenzione del tuo pubblico devi essere disposto a dialogare ad armi pari, in maniera semplice ma allo stesso tempo cordiale e professionale. L’azienda deve sempre esporsi e metterci la faccia, anche a costo di subire critiche feroci. Evitare a priori il dialogo non migliorerà le relazioni con il pubblico.

Non dimenticare la call to action

Ogni azione di marketing nasce per uno scopo. Non si scrive un post aziendale per passatempo. Lo si fa avendo in mente un obiettivo ben preciso. Questo vuol dire che ogni post deve prevedere un’azione finale che può anche compiersi sullo stesso social network e non per forza comportare l’accesso ad un sito web terzo (pensiamo, ad esempio, ai post che invitano l’utente a rilasciare un commento oppure a mettere il like alla pagina).

Quello che è veramente importante è che l’utente sia consapevole di ciò a cui andrà incontro effettuando l’azione indicata all’interno del post. La verità prima di tutto, sempre.

Social media copywriting: l’importanza di mettersi alla prova

Puoi sfruttare anche i tuoi account privati per testare le tue capacità di social media copywriting. Come cambia l’interazione delle persone tra un post e l’altro? Quali sono gli elementi e le tecniche che funzionano meglio? Sperimenta continuamente la tua scrittura e cerca sempre nuove formule e strategie per ottenere il massimo dai tuoi testi social.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri Articoli

come diventare ghostwriter freelance
Carmine Roca

Come diventare Freelance Ghostwriter

Nel mondo dell’editoria non sempre viene riconosciuta la paternità dell’opera a chi si occupa materialmente e realmente della scrittura di un contenuto. È possibile, infatti,

Read More »

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *